Logo PrestitoSvelto.it

Prestiti a Cattivi Pagatori: La Guida 2018 ai Prestiti per gli iscritti CRIF.

Guida ai Prestiti per Cattivi Pagatori

Guida Prestiti a Cattivi Pagatori CRIF 2018
Aggiornamento:

Questa è la guida definitiva sui prestiti ai Cattivi Pagatori e sui finanziamenti a chi è protestato o segnalato CRIF.

Capirai come di diventa Cattivi Pagatori
e come essere cancellato.

Ti farò vedere quali prestiti vengano concessi
anche a chi è segnalato in CRIF.

Infine ti farò vedere quali siano le migliori offerte
di prestiti per Cattivi Pagatori.

Resta con me qualche minuto
e capirai se e quali finanziamenti puoi richiedere.

Indice degli argomenti:

1

Introduzione al Problema dei
Prestiti a Cattivi Pagatori

Se sei stato segnalato come Cattivo Pagatore
(vediamo dopo cosa significhi),
allora difficilmente riuscirai ad ottenere un classico prestito personale,
ma ci sono altri prestiti che puoi richiedere,
alcuni più facili da ottenere.

È facile diventare un cattivo pagatore?
Sì,
In linea di massima potrebbe bastare un ritardo nel pagamento di una rata di un prestito per far scattare la segnalazione in CRIF (vedi sotto). E magari neanche sai di essere un Cattivo Pagatore.

Questa situazione sarà perenne?
No,
I dati che ti riguardano e ti classificano come Cattivo Pagatore, dopo un certo periodo vengono cancellati dalle banche dati dedicate.

Ci sono prestiti per Cattivi Pagatori?
Sì,
si tratta di quei prestiti che includono per loro natura una garanzia che tutela la banca che eroga il finanziamento.

Il prestito per Cattivi Pagatori più facile da ottenere è quello della Cessione del Quinto dello Stipendio (da lavoratore dipendente a tempo indeterminato), o della pensione (soprattutto se ex dipendente statale).

Ma ci sono anche altre soluzioni che ti presento tra poco.

Posso cancellare il miei dati da CRIF?
Sì e no,
Resta con me qualche minuto
e ti spiegherò esattamente come fare
con una possibile soluzione al tuo problema di Cattivo Pagatore.

2

Cattivi Pagatori, Segnalati e Protestati

Casi frequenti per cui si può essere segnalati come Cattivi Pagatori sono:

  • Non essere puntuali nel pagamento delle rate del prestito o del mutuo.
  • Non onorare i finanziamenti ricevuti.
  • Sforare il fido concesso dalla banca.
  • Emettere assegni scoperti (anche solo perché il tuo conto corrente in quel momento non aveva fondi sufficienti).
  • Utilizzare carte di credito revocate o senza fondi sufficienti in conto corrente.
  • Subire il protesto di un debito.

Queste circostanze molto probabilmente danno inizio all'iter di registrazione presso le centrali rischi del proprio nominativo come Cattivo Pagatore, con tutte le conseguenze del caso.

Chi non paga regolarmente una cambiale o emette un assegno scoperto, verrà iscritto nel registro informatico dei protesti, oltre a dover pagare conseguenze quali addebito di interessi di mora, rischio di pignoramento dei beni dati in garanzia, sanzioni amministrative, etc...

In questi casi è possibile che il nominativo venga comunicato anche alle Centrali Rischi, equiparando il protestato al Cattivo Pagatore.

3

SIC, CRIF e altre Banche Dati Black List

Cosa sono i SIC?

Acronimo di Sistemi di Informazione Creditizia, i SIC sono banche dati che registrano tutte le informazioni legate alle domande di prestito e ai rimborsi finanziamenti in corso, sia per gli eventi positivi che per quelli negativi.

In linea di principio, ogni banca o finanziaria prima di concedere un prestito o, più in generale un finanziamento, consulta la tua posizione (se presente), interrogando queste banche dati; la risposta può oscillare tra i due estremi "soggetto finanziabile" oppure "soggetto non desiderabile" (ho usato parole mie per farti capire).

Se la tua storia creditizia, che emerge dal profilo registrato presso i SIC, dovesse risultare "ballerina", allora molto probabilmente vedrai rifiutata la tua domanda di prestito.

Solo le banche e le finanziarie autorizzate possono interrogare i SIC.

Attenzione:
non è CRIF, CERVED e altri SIC che decidono se erogare o rifiutare la domanda di prestito. Solo la banca prende questa decisione.

Quali sono i principali SIC operanti in Italia?

  1. CRIF, ovvero la Centrale Rischi Finanziari, è la banca dati più importante.
  2. CERVED, o più correttamente Experian CERVED vista la fusione dei due gruppi.
  3. CTC, ossia Consorzio Tutela Crediti.
  4. Assilea.

Inoltre, tutti i debiti con banche o finanziarie sono comunicati anche alla CAI - Centrale Allarme Interbancaria - la Centrale Rischi della Banda d'Italia.

Se questa è la tua prima domanda di prestito,
allora è probabile che il tuo nominativo non sia presente nei Sistemi di Informazione Creditizia
(questo può essere un vantaggio, ma anche un possibile ostacolo - vedremo dopo perché).

Le banche e le finanziarie infatti registrano presso queste banche dati tutte le informazioni più rilevanti che riguardano i contratti di finanziamento stipulati coi propri clienti, soprattutto se relative ad eventi negativi (come ad esempio il mancato pagamento di una rata oltre l'ultimatum).

Tieni presente che se sei un privato:

  1. per gli eventi positivi, es. pagamenti regolari, buon fine del finanziamento, i tuoi dati possono essere registrati in banca dati solo se hai prestato il consenso al trattamento;
  2. per gli eventi negativi, es. ritardi o morosità, i tuoi dati vengono comunicati in via automatica anche senza la tua esplicita autorizzazione.

Se invece sei un imprenditore, professionista o società, allora i dati vengono trattati anche senza consenso.

Come sapere se si è cattivi pagatori? La visura CRIF.

Prima di richiedere un prestito, se si hanno incertezze, può essere utile sapere se si è registrati come Cattivi Pagatori.

Per far questo bisogna interrogare le banche dati dei SIC richiedendo una visura.

Chi ti propone visure a pagamento spesso lo fa chiedendoti molti più soldi di quanto ti costa se lo fai tu direttamente.

L'interrogazione alla CRIF costa dai 4 euro se sei presente, ai 10 euro se non sei presente (prezzi IVA esclusa). Puoi pagare con carta di credito oppure presso un punto vendita Sisal Pay (presenti presso i tabacchini autorizzati).

Entro 15 giorni dalla richiesta riceverai tutta la documentazione completa.

Col servizio "METTINCONTO" di CRIF, al costo di 35 euro per i privati e 59 euro per le aziende e i professionisti, puoi accedere ai tuoi dati in tempi molto più brevi (2 giorni), con accesso a dati sui protesti, con valutazione della tua affidabilità creditizia, potendo usufruire di consulenza telefonica e altri servizi.

Per accedere ai moduli di richiesta CRIF online clicca qui

Essere presenti in CRIF significa essere Cattivi Pagatori?

Essere presenti in CRIF significa essere classificati come Cattivi Pagatori e quindi come soggetti indesiderabili?

Non necessariamente.

Tieni presente che di tutti i nominativi inseriti in CRIF, la maggior parte (il 95% indicativamente), è relativo a debitori che rimborsano regolarmente i finanziamenti, e solo un 5% è registrato come Cattivo Pagatore.

Vantaggi della presenza in CRIF

Nei Sistemi di Informazione Creditizia vengono raccolte tutte le informazioni sui crediti concessi, anche quelle positive e questo è un vantaggio: essere presenti in CRIF con una buona affidabilità creditizia consente di ottenere un prestito in tempi brevi e a condizioni vantaggiose per il richiedente.

Non sono Cattivo Pagatore ma mi hanno rifiutato la domanda di prestito!

Anche se non sei qualificato come Cattivo Pagatore puoi vederti rifiutata la domanda di prestito per altri motivi, quali ad esempio la presenza di altri finanziamenti attivi che indebiliscono la tua capacità di far fronte al pagamento delle rate, oppure un lavoro precario che non garantisce regolarità nelle entrate o altri motivi che esulano dal tuo profilo di merito creditizio.

Per certo se sei Cattivo Pagatore, si prospetta un grande ostacolo da superare.

Ma ci sono delle soluzioni che puoi leggere tra poco.

4

Social Network e Affidabilità Creditizia

Ti accenno velocemente alla relazione tra Affidabilità Creditizia e presenza sui Social Network, riservandomi di trattare per esteso questo argomento (problema), in una pagina dedicata.

Sta accandendo negli Stati Uniti e prima o poi l'onda arriverà anche da noi.

Cosa succede?

Te lo spiego in parole semplici:
Si sta passando da valutazioni dell'affidabilità creditizia basate su dati economici/finanziari strettamente legati alla situazione del richiedente (si chiamano punteggi FICO e sono paragonabili a quelli presenti nelle Centrali Rischi),
a valutazioni del rischio basate su algoritmi che derivano un punteggio (chiamato e-score o punteggio elettronico), in base a variabili che nulla hanno a che fare con informazioni economiche pertinenti.

Si parla di una mole incredibile di dati quali abitudini di acquisto, dati di navigazione internet, ricerche effettuate negli ecommerce e nei motori di ricerca, geolocalizzazione del computer o dello smartphone, geotag, legami social, codici di avviamento postale, tessere fedeltà (quelle che ti chiedono in cassa all'ipermercato), per arrivare agli errori di ortografia (incredibile vero?) etc... e questi sono solo pochi esempi.

Non sto qui a spiegarti come funzionano questi algoritmi.
Quello che devi sapere è che non rispondono più alla domanda

"Come ti sei comportato in passato?"

Ma elaborando questa immensa quantità di dati social e non, si pongono la domanda

"Come si sono comportati i tipi come te?".

Capisci la grande differenza?

Non valutano più la tua storia creditizia, ma a chi assomigli di più.
E questo può avvenire anche in base a quello che scrivi in Facebook, a chi dai i like, a chi ti leghi (le tue "amicizie").

Ti sembra impossibile?

Devi sapere che Facebook ha brevettato un sistema di valutazione del merito creditizio basato sulle nostre reti sociali.

È un sistema pseudoscientifico che può portare a gravi ingiustizie con algoritmi oscuri, protetti da brevetti, che sfuggono ai controlli di legge.

Quello che da noi è ancora limitato ad una domanda di prestito, negli US viene esteso a vari aspetti della vita quotidiana: essere un Cattivo Pagatore può avere riflessi negativi anche nei rapporti di lavoro (domanda di assunzione rifiutata, promozione rifiutata), nei premi assicurativi (più alti), nelle pene comminate dai tribunali, etc...

Il risultato finale è che molti cadono in un circolo vizioso per cui sei classificato come cattivo pagatore, perdi o vedi ridotte alcune garanzie, peggiori la tua situazione, il punteggio di affidabilità viene aggravato, e non ne esci più.

Il rapporto fiduciario diretto col proprio direttore di banca diventerà un lontano ricordo.

5

Domanda di Prestito e CRIF

Quando fai una domanda di prestito, la banca o la finanziaria consulta la CRIF (o altri Sistemi di Informazione Creditizia), per capire che tipo di cliente potresti essere: un cliente affidabile oppure un soggetto non gradito.

Se la tua domanda di prestito non viene accolta, allora una delle cause può essere la tua scarsa affidabilità creditizia che emerge dall'interrogazione delle banche dati.

Tu magari neanche ti sei accorto che per due mesi il tuo conto corrente non aveva fondi disponibili per coprire il RID grazie al quale ti sei comperato l'iphone a rate, dando così inizio all'iter che ti ha portato ad essere qualificato come Cattivo Pagatore.

In ogni caso, se la tua domanda di prestito viene rifiutata a causa del fatto che sei Cattivo Pagatore, la banca è obbligata ad informarti e a comunicarti i riferimenti del Sistema di Informazioni Creditizie consultato. Puoi così capire da cosa è stato causato il rifiuto.

6

Cancellazione CRIF Cattivo Pagatore

Cancellare i propri dati come Cattivo Pagatore dalle banche dati di Informazione Creditizia, come la CRIF, è il primo passo per ripulire il proprio profilo creditizio e poter favorire l'accoglimento delle future domande di finanziamento.

Ma come cancellare i propri dati dai SIC?

Capita di leggere offerte per cancellare o modificare i tuoi dati da CRIF a pagamento: spesso si tratta di truffe, anche se a onor di verità non tutti questi messaggi sono automaticamente dei raggiri (vedremo sotto perché).

Quello che devi sapere è che i dati in CRIF vengono cancellati automaticamente dopo un certo tempo dalla regolarizzazione della posizione, ad esempio da un anno (es. se ritardi il pagamento di una rata), a tre anni (es. per prestiti non rimborsati), e oltre a seconda della gravità che ti riguarda (vedi sotto).

Riassumendo:

  1. prima devi regolarizzare, cioè pagare il dovuto,
  2. quindi non devi commettere altre infrazioni
  3. infine devi attendere un periodo di "punizione".

Solo dopo il tuo nominativo verrà cancellato dalle banche dati e tornerai ad essere "pulito".

Te l'ho accennato prima:
in casi particolari puoi anche chiedere la modifica dei tuoi dati in SIC, quando rilevi delle difformità o degli errori.

ATTENZIONE
C'è un caso in cui puoi richiedere la cancellazione da CRIF.

Condizione necessaria affinché la registrazione in CRIF sia corretta è che la banca invii il preavviso.

Quindi se si riesce a dimostrare che la banca o la finanziaria non abbia inviato il preavviso formalmente nei modi corretti (raccomandata A/R), la segnalazione potrebbe risultare illegittima; conseguentemente potrebbe essere richiesta la cancellazione del nominativo dalla banca dati della centrale rischi.

In questo caso basterà fare un reclamo scritto alla propria banca, oppure rivolgersi ad un tribunale con un ricorso in via d'urgenza, o ancora ricorrere all'Arbitro Bancario Finanziario. Poco più avanti ti segnalo anche i riferimenti per le maggiori Associazioni Consumatori che eventualmente potranno indicarti l'iter più efficace.

Quindi se non sei stato avvisato, o se il preavviso è generico e non puntuale, o ancora se il preavviso è arrivato tramite posta normale, o se l'iscrizione come Cattivo Pagatore è stata effettuata prima di 15 giorni dalla ricezione dell'avviso, c'è una possibilità per chiedere la cancellazione dalla CRIF e chiedere anche il risarcimento dei danni per violazione della privacy.

Un caso particolare è quello dei finanziamenti a tassi usurai. Il tasso usuraio inficia il patto contrattuale per cui teoricamente potresti annullare d'ufficio i tassi stipulati per vederti riattribuiti nuovi tassi in linea coi limiti massimi stabiliti dalla Banca d'Italia. Ne consegue in linea teorica, l'annullamento anche delle conseguenze. Se questo fosse il tuo caso ti invito a consulare un tuo legale di fiducia o una associazione a tutela dei consumatori per capire le possibili azioni da fare.

Va segnalato come spesso siano state annullate da parte della giurisprudenza, iscrizioni alle Centrali Rischi illegittime per mancanza dei presupposti sostanziali, legati alle tempistiche di rientro del debito, all'irrilevanza della quota residuale del debito e più in generale alla sostanziale non gravità comportando un ingiustificato allarme, perché legata ad una situazione palesemente transitoria priva del carattere di gravità.

Attenzione:
Un conto corrente poco o per nulla movimentato è un segnale di gravità. che potrebbe avvalorare il sospetto rischio di insolvenza.

7

Dopo quanto tempo vengo
cancellato da CRIF?

Come ti ho detto poco fa,
La cancellazione da CRIF è automatica: i tempi di permanenza dei dati in sistema dipende dalla causa che li ha originati. Ti ricordo che è la banca o la finanziaria a comunicare tali dati.

Te li riassumo in tabella per una rapida consultazione, così da capire dopo quanto tempo puoi essere cancellato da CRIF automaticamente.

CAUSA TEMPO IN CRIF
Finanziamento in valutazione 6 mesi dalla data di richiesta
Finanziamento rifiutato 1 mese dalla data di rifiuto
Finanziamenti regolari (questo è il 95%) 36 mesi dalla data di estinzione
Ritardo di max 2 rate 12 mesi dalla regolarizzazione e in assenza di altri ritardi per i 12 mesi successivi alla regolarizzazione
Ritardo da 3 rate in poi 24 mesi dalla regolarizzazione e in assenza di altri ritardi per i 24 mesi successivi alla regolarizzazione
Finanziamenti non rimborsati o con gravi morosità 36 mesi dalla data di estinzione prevista o da ultimo aggiornamento dell'istituto concedente
8

Quali dati posso cancellare da CRIF?

Ci sono dei dati che puoi sicuramente cancellare gratuitamente da CRIF e sono i dati positivi, quelli cioè legati a prestiti e finanziamenti che sono andati a buon fine.

Attenzione:
non ti conviene cancellare questi dati CRIF perchè verrebbe a mancare tutta la parte positiva che ti riguarda, quale ad esempio la regolarità dei pagamenti e i prestiti che si sono conclusi senza alcun problema; in altre parole, tutto ciò che agli occhi della banca ti qualifica come un pagatore puntuale e quindi un cliente gradito.

Restando potenzialmente solo i dati negativi (che non si possono cancellare, ma al pià modificare), lo sbilanciamento propenderebbe a favore del rifiuto delle nuove domande di finanziamento.

Un caso particolare riguarda dati che ritieni siano stati comunicati in modo non corretto dalla banca.

Il modo più veloce per richiedere e ottenere l'aggiornamento dei tuoi dati in CRIF è quello di rivolgerti presso la banca o la finanziaria con la quale hai acceso il finanziamento. Chiedere direttamente a CRIF la modifica dei dati in realtà si rivela un iter dai tempi allungati perché comunque la centrale rischi dovrà richiedere all'istituto di credito verifiche e riscontri.

Attenzione:
Non fidarti di chi ti promette la cancellazione dei tuoi dati da CRIF in cambio di denaro. Ripeto che non è una operazione possibile, al più verranno cancellati i tuoi dati positivi (che come visto possono favorirti nella richiesta di nuovi prestiti).

9

Contatti CRIF, CERVED e altre Banche Dati

Contatti CRIF

Per contattare CRIF puoi:

  • chiamare il numero di telefono 051 6458900 dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 18:30.
  • inviare una email a info.consumatori@crif.com
  • recandoti di persona dal lunedì al venerdì 9:00-13:00 14:00-18:00, presso:
    CRIF S.p.A.
    Ufficio Relazioni con il pubblico
    via Zanardi 41 - Bologna

Contatti CERVED

Contatti ASSILEA

10

Prestiti a Cattivi Pagatori

Come ti ho accennato poco sopra,
essere qualificati come Cattivi Pagatori chiude le porte a molte possibilità di ottenere un finanziamento, ma non tutte.

Vediamo di seguito quali prestiti possono essere richiesti e ottenuti anche dai Cattivi Pagatori.

Prestiti a cattivi pagatori con Cessione del Quinto

Anche se sei un Cattivo Pagatore puoi ottenere un prestito, evitando il blocco della domanda a seguito di una interrogazione alla CRIF, con la cosiddetta Cessione del Quinto dello stipendio se sei un lavoratore dipendente, o la Cessione del Quinto della pensione se sei un pensionato.

La garanzia rappresentata dalla continuità del percepimento di stipendio o pensione mette in secondo piano la tua storia creditizia: è il datore di lavoro ad occuparsi direttamente della restituzione del prestito, con puntualità e regolarità.

In particolari condizioni può essere erogato il cosiddetto prestito delega, che corrisponde al doppio del quinto di stipendio o pensione; in altre parole anche se hai una cattiva reputazione creditizia potresti ottenere un finanziamento con rate parametrate al 40% del tuo stipendio. Per poter accedere al prestito con delega viene richiesto un congruo TFR maturato.

Il prestito con quinto o con delega viene estinto grazie a trattenute automatiche in busta paga (o dal cedolino pensione).

Anticipazione del TFR anche a Cattivi Pagatori

I casi particolari (matrimonio, acquisto casa, ristrutturazione, spese mediche, congedo parentale, etc...), se sei lavoratore dipendente puoi chiedere direttamente al tuo datore di lavoro una anticipazione del TFR, evitando così il ricorso a prestiti con banche e finanziarie e soprattutto il giudizio sul tuo profilo di affidabilità creditizia della CRIF.

L'argomento è complesso per cui ti consiglio di accordarti direttamente col tuo datore di lavoro, che sentito anche l'ufficio paghe, potrà o meno accogliere la tua richiesta di anticipo TFR.

Potresti ottenere fino al 70% di quando accantonato fino al momento della richiesta.

Prestiti a cattivi pagatori senza busta pagane senza cessione del quinto

Se però sei senza busta paga e sei Cattivo Pagatore come puoi ottenere dei prestiti?

I cattivi pagatori senza busta paga possono ottenere prestiti se questi sono garantiti da beni di valore, quali immobili, rendite finanziarie, rendite da affitti, pietre preziose, metalli preziosi o altro...

Puoi ricorrere ai prestiti cambializzati: la cambiale è infatti un titolo esecutivo che rappresenta una garanzia per il prestatore. In caso di insolvenza la banca potrà pignorare il bene dato in garanzia.

Altri prestiti erogabili anche a cattivi pagatori sono quelli in cui interviene una terza persona in qualità di garante del buon fine del finanziamento. Si parla di prestiti con garante, o prestiti con fideiussione.

Ti avviso:
il garante sostanzialmente si accolla le responsabilità che tu non riesci a sostenere, quindi deve trattarsi di una persona che ripone fiducia in te. La banca prima si rivolge a te, e se tu non riesci a pagare la rata, si rivolge al garante con tutte le conseguenze possibili.

Se hai un immobile di proprietà puoi richiedere il cosiddetto prestito con ipoteca.

Attenzione:
se non rimborsi il finanziamento, la banca può rifarsi sulla tua proprietà col rischio per te di perdere tutto.

Non mi dilungo ulteriormente perché ho trattato questi argomenti in modo approfondito nella pagina dedicata ai prestiti a disoccupati.

Se resti con me ancora un po'
ti do anche un'altra possibile soluzione non contemplata da altri siti.

11

Prestiti a Protestati

Anche i protestati possono ottenere prestiti nelle forme previste per i Cattivi Pagatori.

Prestiti tra privati per protestati

Una ulteriore possibilità per i protestati (ma anche per i Cattivi Pagatori) è quella dei prestiti tra privati e il cosiddetto Social Lending ossia il Prestito Socializzato.

Te ne parlerò approfonditamente in una pagina dedicata, per ora ti accenno a questi siti che mettono in contatto privati in qualità di richiestendi prestiti e investitori:

  1. Soisy
  2. Smartika
  3. Prestiamoci

Ma il prestito tra privati non si esaurisce con questi siti, potendo concretizzarsi in un accordo tra due persone che si conoscono, ad es. un familiare, un parente o un amico.

In questi casi è sempre consigliato stipulare un accordo formale e vare visionare tale scrittura privata ad un professionista.

Soprattutto nel caso di prestito tra privati,
attenzione a non stipulare accordi a tassi usurai.

12

Prestiti a Segnalati

Abbiamo visto come essere segnalati in CRIF non necessariamente significhi essere Cattivi Pagatori, anzi: la grande maggioranza dei nominativi in CRIF riguarda soggetti che pagano regolarmente le rate e onorano i finanziamenti concessi, comprese le carte di credito.

Il fatto di poter dimostrare un profilo di affidabilità creditizia positivo per certo favorisce l'erogazione di un prestito.

Una segnalazione negativa per contro, tende ad ostacolare l'accoglimento della domanda di finanziamento, anche se...
... non tutte le segnalazioni negative hanno lo stesso peso:
ci sono profili fortemente compromessi, che possono sperare in prestiti garantiti da fideiussione, garantiti da TFR con cessione del quinto, garantiti da ipoteca o pegno,
e ci sono soggetti con "lievi scorrettezze", quali ad esempio un piccolo ritardo nel pagamento di una rata: in questi casi pur essento segnalato, c'è la possibilità di ottenere un prestito soprattutto se si è conosciuti dal direttore di filiale, che potrebbe essere più "elastico" nella concessione del finanziamento.

Due consigli in questo caso:

  1. il primo consiglio è quello di appurare preventivamente quale sia la propria condizione chiedendo una visura alla Centrale Rischi, es. CRIF; se risulta una lieve infrazione allora si procede con...
  2. il secondo consiglio è quello di rivolgersi direttamente in filiale ed evitare le soluzioni online che potrebbero essere portate ad esprimere un giudizio più tranchant, spesso originato da algoritmi senza anima.
13

Cattivi Pagatori e
Prestito Consolidamento Debiti

Una tipica situazione che porta alla iscrizioni nelle liste dei Cattivi Pagatori è quella che vede la compresenza di più prestiti in corso: rate che si sommano ad altre rate fino a portare il debitore all'insostenibilità dei finanziamenti, magari per causa di variate condizioni lavorative.


L'errore è quello di
proiettare nel futuro la situazione attuale
in cui si sottoscrivono gli impegni,
soprattutto se si lavora nel settore privato.

I presupposti sui quali si basa la sicurezza del presente possono cambiare e rivelarsi in realtà esiziali nel caso venissero a mancare (ad esempio per licenziamento e una riassunzione a stipendio inferiore).

Le rate diventano un peso insopportabile e prima o poi può capitare di saltare il pagamento di qualche rata, con la conseguenza di essere iscritto in CRIF come Cattivo Pagatore.

Una possibile soluzione per sanare la posizione è quella di ricorrere ad un prestito per consolidamento debiti: in sostanza, tutti i prestiti in corso vengono "riuniti" in un unico finanziamento con durata maggiore e quindi con una sola rata mensile più bassa adattata alle capacità reddituali di rimborso del prestito.

14

Il Prestito della Speranza

Studiato per far fronte a situazioni di disagio sociale e per favorire l'uscita dallo stato di povertà grazie a finanziamenti a nuove iniziative imprenditoriali, il Prestito della Speranza garantito dalla CEI ed erogato da una rete di banche aderenti all'accordo, può essere una soluzione anche per i Cattivi Pagatori.

Ogni situazione va valutata singolarmente.

Se questo prestito ti interessa ne parlo estesamente in questa pagina in cui ti spiego tutti i passaggi per ottenere questo aiuto.

15

Le Migliori Offerte di
Prestiti per Cattivi Pagatori

Abbiamo cercato le migliori offerte di prestiti online riservate espressamente anche a Cattivi Pagatori.

Ovviamente essendo la Cessione del Quinto un tipo di prestito estremamente personalizzato, le offerte seguenti hanno un carattere meramente indicativo.

Per una piena comprensione del costo di un prestito ti consiglio la lettura di questa guida dedicata anche per valutare la convenienza di un finanziamento.

IBL Banca

IBL Banca offre un prestito non finalizzato tramite cessione del quinto, specificando "Possibilità di ottenere il prestito anche in caso di pignoramento, protesti o disguidi finanziari.".

Viene richiesta obbligatoriamente una assicurazione contro il rischio morte e contro la perdita del lavoro.

Sono esclusi i lavoratori autonomi.

Il prodotto offerto da IBL Banca si chiama "RataBassotta".

Alcuni esempi indicativi (!):

Prestiti IBL Banca
Prestito di: Rata Mensile: Durata: TAN fisso: TAEG fisso:
RataBassotta Baby 5.000 euro 149 euro 36 mesi 4,45% 4,72%
RataBassotta 10.000 euro 110 euro 120 mesi 4,60% 5,96%
RataBassotta 18.000 euro 198 euro 120 mesi 4,85% 5,95%
RataBassotta 34.000 euro 110 euro 120 mesi 5,25% 6,14%

IBL Banca propone anche un interessante prestito di consolidamento (abbiamo visto sopra a cosa serve), denominato "SALDARATE IBL", con cui è possibile riunire tutti i debiti e pagare una rata più leggera alla portata delle condizioni economico-reddituali del richiedente.

IBL Banca specifica "IBL Banca valuta anche le richieste di chi ha avuto disguidi bancari".

Ovviamente alla diminuzione della rata, corrisponde un allungamento della durata.

Il vantaggio è quello di poter affrontare con regolarità il pagamento della rata e sfuggire così al rischio di iscrizione nei registri Cattivi Pagatori.

Il prestito di consolidamento è richiedibile anche da lavoratori autonomi.

Per ulteriori informazioni collegati al sito di IBL Banca.

Facile.it

Facile.it, portale che raccoglie le offerte da varie finanziarie, propone prestiti fino a 75.000 euro anche per cattivi pagatori e protestati nella forma di cessione del quinto dello stipendio o della pensione, con TAEG tra 5,825% e 18,545%, per durate tra i 2 e i 10 anni.

Facile.it propone due esempi di prestito con Cessione del Quinto dello stipendio rivolti anche ai Cattivi Pagatori.

Primo esempio:
Donna di 35 anni di età, dipendente pubblica con 10 anni di servizio.

Cessione del Quinto
Importo erogato: 17.850 euro
Rata: 195 euro
Durata: 120 mesi
TAN: 5,55%
TAEG: 5,825%

Secondo esempio:
Profilo richiedente non specificato.

Cessione del Quinto
Importo erogato: 20.000,20 euro
Rata: 252,22 euro
Durata: 120 mesi
TAN: 7,20%
TAEG: 9,27%

Come si può notare, passando dal primo profilo ben definito, al secondo profilo più generico, la forbice del costo del prestito si allarga: si passa da un TAEG del 5,825% ad un TAEG pari a 9,27%, con uno scarto di 3,445 punti percentuali, a riprova del fatto che il prestito tramite Cessione del Quinto è un finanziamento personalizzato che può risentire di varie determinanti compreso l'essere iscritto in CRIF come Cattivo Pagatore.

Anche facile.it propone un prestito per consolidamento debiti finanziabile con cessione del quinto dello stipendio o della pensione "anche se si è stati segnalati come cattivi pagatori CRIF" (cit.).

Per maggiori informazioni clicca qui.

Agos

Tra i prestiti per Cattivi Pagatori, Agos propone la cessione del quinto, senza la necessità di garanti, anche se sono già stati accesi altri finanziamenti e soprattutto anche in caso di "eventuali precedenti difficoltà di accesso al credito", con particolari vantaggi per i dipendenti pubblici e statali, e per i pensionati INPS.

Obbligatoria la sottoscrizione di polizza vita e polizza credito.

L'offerta Agos esclude i lavoratori autonomi.

Approfondimenti qui.

Compass

Nel sito Compass non viene data pubblicità di prestiti a cattivi pagatori.

Pur citando "anche se ho avuto problemi di solvibilità in passato", Compass sembra meno propensa (o quanto meno più attenta), a concedere prestiti a Cattivi Pagatori anche tramite Cessione del Quinto; specifica infatti "Tuttavia ogni richiesta verrà valutata per verificare la sussistenza dei requisiti necessari.".

Ti consiglio di fissare un appuntamento presso una delle loro sedi.

SignorPrestito

SignorPrestito si rivolge espressamente a "cattivi pagatori, protestati e pignorati" per prestiti tramite Cessione del Quinto che non richiedono ulteriori garanzie o fideiussioni o giustificazioni di spesa.

Tasso e rata sono fissi, comprendendo le quote parte di polizza rischio vita, inabilità e perdita lavoro.

In questa pagina maggiori informazioni.

Magenta

Magenta Spa pubblicizza un prestito contro Cessione del Quinto offrendo una consulenza dedicata a te "se hai subito un protesto o sei stato iscritto nella lista dei cattivi pagatori".

Esempio di prestito, per dipendente pubblico o statale di max 40 anni alla scadenza del finanziamento.

Cessione del Quinto
Importo erogato: 15.000,18 euro
Rata: 165,94 euro
Durata: 120 mesi
TAN: 3,80%
TAEG: 6,09%

Qui ulteriori informazioni.

DirectaFin

DirectaFin propone prestiti a Cattivi Pagatori fino a 75.000 euro nella forma di Cessione del Quinto e del Prestito Delega, con TAEG massimo del 10,57%.

Esempio:

Cessione del Quinto
Importo erogato: 28.000 euro
Rata: 305 euro
Durata: 120 mesi
TAN: 4,20%
TAEG: 5,71%

Per richiedere il prestito clicca qui.

16

Furto di Identità, Truffe e
Associazioni Consumatori

Per concludere ti indico i riferimenti delle maggiori associazioni consumatori, presso le quali potrai richiedere informazioni sulle azioni da intraprendere in caso di furto di identità o truffe che hanno portato ad iscrivere il tuo nome nelle liste dei Cattivi Pagatori.

Se rilevi dei problemi in CRIF o altri SIC connessi a furto di identità, devi presentare denuncia quanto prima ai Carabinieri.

Quindi le Associazioni di Consumatori possono affiancarti nella soluzione dei problemi legati ad una illecita iscrizione nelle black list dei Cattivi Pagatori. Ti indico di seguito i riferimenti principali.

 


 

Conclusioni

Siamo giunti al termine.

Ti suggerisco di approfondire
ogni singolo tema di tuo interesse
consultando le altre pagine dedicate singolarmente
ai vari temi qui accennati
(se ancora non presenti, le stiamo scrivendo).

E se questa guida ti è piaciuta...

... ti chiederei di condividerla sui tuoi social.

Grazie!